Laureata in Architettura ed Urbanistica all’Università di Belgrano a Buenos Aires, con Juan Manuel Borthagaray, Jorge Hampton e Arturo Montagu, si occupa di letture del territorio in tessuti rurali e di architettura vernacolare nelle Pampe Argentine. Lavora in ristrutturazioni e interior design.

Nei corsi master presso UCLA, Università California Los Angeles, approfondisce sulla teoria e forma della comunicazione visuale attraverso la programmazione informatica trasformando relazioni e codici in grafica computerizzata con George Stiny, Robin Liggett e Charles Eastman, creatore del BIM. Lavora come consulente di lettura del territorio e diagnostica  in ambito pubblico e partecipa nella mostra curata da Diane Favro, «A Life in Architecture, Four Women in architecture» come progettista.

In Italia lavora in progettazione architettonica e ristrutturazioni nel territorio della Sardegna. Disegna concepts come ipotesi basiche per ambienti wellness, lighting design, interni e retail store. «Agorà casa», «I cinque sensi», «2B_being», «Art hotel». E socia fondatrice dell’associazione AIDIA di Cagliari e membro di associazioni di categoria in Italia e in Argentina. 

 Negli ultimi anni consegue un master in Touch Fair Architecture and Exhibit Spaces allo IUAV, Istituto Universitario di Architettura di Venezia con Raffaella Laezza, Antonella Mari e Franco Purini. Approfondisce in architetture effimere con strumenti di parametricismo e CAD CAM applicati a spazi urbani e fieristici. Sensibile a argomenti d’identità, movimento, tradizione e innovazione esplora in ambiti diversi i paradigmi contemporanei.